L’incontro-dibattito sullo spazio da intitolare alla Carta de Logu, considerazioni e proposte


        Quale spazio per la Carta de Logu? È il titolo di un incontro- dibattito organizzato dal Rotary Club di Oristano all’hotel Mistral II. Sottotitolo: La Carta de Logu viene dimenticata proprio nella città in cui venne promulgata. Neanche un vicoletto ricorda l’illuminata opera normativa degli Arborea, è giusto dedicarle uno spazio?

Un incontro dibattito, appunto, non solo una conferenza di storia che ha una audience limitata, ma un evento pensato per coinvolgere un pubblico eterogeneo e trattare l’argomento nei suoi aspetti attuali legati al marketing turistico, alle scelte urbanistiche, all’appropriazione della nostra cultura e identità.

Il discorso è stato introdotto dal professor Paolo Gaviano che ha inquadrato storicamente il documento giuridico Carta de Logu. Mariano IV, formatosi alla corte catalano-aragonese, tornò a Oristano come Giudice animato da un forte spirito nazionalistico: con abili mosse politiche e militari riuscì ad annettere al Giudicato di Arborea gran parte dell’isola e vi estese il corpus di leggi. La figlia Eleonora, in qualità di giudicessa reggente per i figli minorenni, sentì la necessità di una nuova promulgazione dell’opera normativa per adeguarla ai mutati tempi.

Il secondo relatore, Giuseppe Melis, docente di marketing turistico, ha spiegato l’importanza di recuperare la nostra identità, in questo caso attraverso la storia, per differenziarci, determinarci, sviluppare le capacità attrattive del territorio grazie alle nostre specificità culturali. L’intitolazione di uno spazio alla Carta de Logu ha un valore simbolico e deve essere collegato a una serie di iniziative culturali, artistiche e politiche. Il riappropriarsi delle componenti immateriali, dello spirito del luogo, della storia e della cultura è il primo passo per creare un contesto esperienziale da offrire a chi vuole conoscere culture diverse.

L’intervento  dell’architetto Maura Falchi è poi servito a chiarire cosa è rimasto nel tessuto urbano attuale di ciò che si trovava ai tempi della Carta de Logu  e come si è evoluta la toponomastica. Recentemente – ha ricordato l’architetto – il sindaco Guido Tendas ha organizzato un incontro insieme al sovrintendente regionale, l’ingegner Tola, in cui ha mostrato lo stato dell’arte del restauro dell’antico convento di San Francesco. In questa occasione si è parlato di restituire alla città gli immobili che erano rimasti inclusi dall’800 nell’area del distretto militare. Secondo l’architetto Falchi si tratta dello spazio ideale da intitolare alla Carta de Logu poiché ai tempi di Eleonora il consilium civitatis si riuniva proprio nel convento di San Francesco. Bisogna intervenire in un’operazione di collaborazione fra architetti ed artisti per restituire l’atmosfera giudicale a questo luogo.

Il sindaco Tendas, presente all’incontro, si è detto favorevole all’iniziativa di intitolare una via o una piazza alla Carta de Logu e a quel punto il presidente del Rotary Club Andrea Riccio ha aperto il dibattito durante il quale sono emerse varie proposte da parte del pubblico. E’ stato sottolineato che lo studio della Carta de Logu dovrebbe essere inserito anche nella programmazione scolastica. Peraltro, ora che il carcere cittadino è stato trasferito a Massama  si potrà avere accesso a quello che fu il Palazzo Giudicale degli Arborea e sarebbe opportuno inserire anche quegli spazi nel progetto di valorizzazione della nostra storia.

Articolo scritto per il settimanale L’Arborense

Annunci

One thought on “L’incontro-dibattito sullo spazio da intitolare alla Carta de Logu, considerazioni e proposte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...